“Papille, di gusto non si discute”, il nuovo spettacolo delle Loungerie

A lezione di cucina con Papille, il nuovo spettacolo delle Loungerie in scena la scorsa settimana al Teatro C di Livorno. Anche se l’argomento trattato prevede ingredienti e fornelli, eviterei volentieri il classico attacco giornalistico del tipo: “Prendete uno spicchio di comicità, mettetelo in un palcoscenico, aggiungete un pizzico d’ironia e mescolate il tutto con musica e poesia”. Le Loungerie sono una realtà per niente scontata e meritano un’analisi più approfondita di una banale recensione da rivista.

Mossi da una comune esigenza di rinnovamento formale dei loro spettacoli (di solito strutturati in una serie di sketch musicali e recitati) le Loungerie ovvero Elena Mellino, Emiliano Dominici, Alessandra Falca, Sara Bagnoli e Christian Quagli si cimentano adesso in un originale teatro di canzoni e parole al servizio di una storia davvero divertente, animata da efficaci battute e personaggi ben caratterizzati, ognuno con i propri pregi e difetti, idiosincrasie e debolezze. Attraverso un personale linguaggio teatrale, il gruppo di attori inscena una trama dall’andamento cronologico che ruota attorno a un tema ben preciso: la cucina.

La storia è semplice. Quattro cuochi squinternati sono messi a dura prova da una prorompente chef napoletana, Anna Nas (Elena Mellino), che, a suon di rimproveri e ammiccamenti, trascina la ciurma maldestra in un’originale lezione di cucina. Ogni personaggio predilige la ricetta che più si avvicina al proprio carattere, ma si sa “in cucina non c’è democrazia, c’è la gerarchia”. Perciò, ognuno faccia la propria parte, importante quanto indispensabile, ma certo non potrà avere l’ultima parola. Il menu, costituito da pietanze elementari, se vogliamo nazionalpopolari come la salsa di pomodoro, i piselli e il pollo con patate, suggerisce allo spettatore di cercare la felicità nelle cose semplici della vita, mentre le piccole e grandi debolezze dei protagonisti gli permettono di rispecchiarsi in un comune quadro di vita.

Papille è dunque un teatro di parola: frasi pronunciate alla velocità della luce e intelligenti giochi linguistici trasposti in musica e in dialogo. Le parole acquistano una doppia valenza: sonora e di significato. Anche quando non sono accompagnate dalla chitarra, esse mantengono intatta la loro dimensione melodica. Le numerose canzoni dello spettacolo, alcune delle quali scritte da Alessandra Falca e da Emiliano Dominici, già cantante dei Milioni, contribuiscono a sviluppare non solo l’andamento della storia e dei dialoghi, ma anche a caratterizzare in modo più efficace i cinque protagonisti. Spicca la voce “da urlo” di Elena Mellino che “spettina” il pubblico con la sua strepitosa forza canora.

Le Loungerie confermano il loro talento portando in scena uno spettacolo che diverte e coinvolge, portata dopo portata. Anche se la struttura è cambiata, gli ingredienti sono sempre egli stessi: ironia surreale, comicità mai volgare e tanta, tanta buona musica.

Se ve li siete persi, potete rifarvi il 16 giugno a Terranuova Bracciolini (AR) per l’apertura di “Utopia del buongustaio”, il 24 alla Fortezza vecchia di Livorno e il 30 a Terricciola (PI).

Annunci

2 commenti

Archiviato in Recensioni

2 risposte a ““Papille, di gusto non si discute”, il nuovo spettacolo delle Loungerie

  1. Grazie Filappe per questo bel commento realistico, fuori dai luoghi comuni. Io non sono potuta andare a vedere lo spettacolo a Firenze, quello che hai scritto mi ha confermato quello che già pensavo dei Loungerie. Se non vivessi così lontana andrei sia allo spettacolo di Terranuova Bracciolini che a quello dopo…
    Cecilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...