La mostra di Chagall a Roma

Marc Chagall è stato forse uno dei più innovativi pittori del Novecento. Il suo stile onirico, a tratti naif, lo ha reso unico e originale. La mostra “Il mondo sottosopra”, allestita al museo dell’Ara Pacis e visitabile fino al 27 marzo, ripercorre il cammino artistico dell’artista attraverso circa 140 disegni e dipinti, realizzati tra il 1917 e il 1982. A ben vedere, si tratta di un vero e proprio capovolgimento dell’arte classica, sia per le strutture pittoriche che per l’uso di colori e forme: i personaggi si fondono tra loro, sfidano la gravità fluttuando in cieli rossi, verdi e azzurri; i loro volti sono bifronti o sottosopra.

La visione “capovolta” del mondo di Chagall deriva da due fattori storici: l’esodo del popolo ebraico, con tutta la sua tragica storia, e la rivoluzione d’Ottobre, a cui lo stesso Chagall partecipò attivamente: “La Russia si copriva di ghiaccio. Lenin l’ha rovesciata sottosopra, come io rigiro i miei dipinti”. Lo stile dell’artista russo rimanda alla dimensione più surreale dell’arte, anche se dietro, in verità, c’è qualcosa di più. Gli spazi dipinti sulla tela sono luoghi immaginari, senza tempo, abitati da buffi animali, acrobati, funamboli, uomini e donne colti nell’estasi di un lungo abbraccio scambiato tra le nuvole. In quadri come “La sirena e il poeta”, lo spazio si divide tra il mondo del sogno – il cielo costellato di personaggi volanti, quasi delle divinità – e il mondo reale, in basso, fatto di città di mare come Nizza, con i suoi poetici viali. Chagall vola sopra i tetti del mondo, nei suoi pensieri, laddove solo una simile forza espressiva può giungere. Non mancano i richiami alla spiritualità. Molto interessante la parte dedicata alla Bibbia, a cui la mostra ha dedicato uno spazio “sacro”, separato dal resto delle opere. Chagall affronta la vita di personaggi biblici quali Mosè, Ezechiele, Geremia. Gesù crocifisso, circondato da piccoli villaggi dell’est, ricorre più volte nei suoi dipinti.

La mostra, ben costruita, fa luce su un profilo meno surrealista del pittore. L’arte di Chagall scava a fondo nella vita dell’uomo, cogliendo gli aspetti tragici ed emotivi che, nel corso della storia, ne hanno capovolto lo spirito. E’ il sentimento a  riscattare l’individuo; l’amore, per Chagall, è il vero colore del mondo.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Recensioni

Una risposta a “La mostra di Chagall a Roma

  1. Di questa mostra mi erano piaciuti un sacco i quadri blu. Ma quando sei venuto a vederla?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...